Aiutiamo famiglie e amici ad onorare i loro cari

Onoranze funebri: l’affido delle ceneri

Per quanto riguarda l’affido delle ceneri a Torino, è possibile custodire in abitazione l’urna cineraria; questo, con la premessa che ogni variazione di residenza o trasloco sia tempestivamente comunicata agli uffici comunali.

L’affidatario dell’urna non potrà per alcuna ragione scindere i sigilli apposti al momento della consegna sul vaso, né tanto meno frazionare il contenuto.

Le ceneri contenute all’interno vengono infatti considerate un pezzo unico inscindibile.

 

Torna alle cose da sapere sulle onoranze funebri a Torino.

Chi rilascia l’autorizzazione all’affidamento delle ceneri? 

L’autorizzazione all’affido delle ceneri viene rilasciata dall’Ufficio di Stato Civile del comune di decesso. Per ottenere l’autorizzazione è necessario che i parenti più prossimi al defunto presentino una domanda scritta (attraverso l’Impresa di onoranze funebri: ci occupiamo noi di fornire i modelli di domanda necessari) in cui si riportano le volontà del defunto e i dati della persona che conserverà le ceneri presso il proprio domicilio. 

Cosa comporta l’affidamento?

In caso di affidamento personale dell’urna, il Comune annota in un apposito registro le generalità dell’affidatario unico, indicato in vita dal defunto, e quelle del defunto medesimo. Il Comune, mediante la Polizia Municipale, può procedere in qualsiasi momento a controlli, anche periodici, sull’effettiva collocazione.

Dove devono essere conservate le ceneri date in affido?

Le ceneri del defunto devono essere custodite presso la residenza dell’affidatario. Eventuali variazioni devono essere tempestivamente comunicate al Comune che ha rilasciato l’autorizzazione.

L’affidatario può cedere l’urna a una terza persona?

No, assolutamente. L’affidatario non può cedere neppur temporaneamente le ceneri ad altri, in quanto individuato dal defunto come unica persona designata alla conservazione delle sue ceneri.

Cedendo le ceneri a terzi violerebbe oltre che la legge, anche le volontà del defunto.

Posso decidere di non tenere più le ceneri a casa?

Sì. L’affidatario può rinunciare alla custodia delle ceneri per cause di primaria importanza come la malattia, questioni lavorative oppure morte.

Cosa succede alle ceneri dopo la sua morte?

Dopo la morte dell’affidatario, le ceneri devono essere restituite alla competente autorità comunale per la conservazione all’interno del cimitero.

L’urna con le ceneri può essere trasportata all’estero?

Sì. In tal caso, è necessario presentare apposita domanda in carta bollata all’Ufficio di Stato civile o di Polizia mortuaria del Comune di decesso. La domanda, corredata dal verbale di avvenuta cremazione e dal nulla osta del Consolato straniero in Italia (solo nei casi in cui il paese di destinazione non aderisca alla Convenzione di Berlino), consente di ottenere il Passaporto mortuario che dovrà accompagnare l’urna durante il trasporto.

 

Vedi Trasporto Ceneri all’estero per approfondire

Onoranze funebri Torino Sacro Cuore